• 329 476 1198
  • info@movimentopiazzadarmi.it

Archivio dei tag nola

Al Museo, libera consegna delle bandiere della Festa

Cari amici del Movimento,

la Fondazione Festa dei Gigli ha consegnato quest’oggi – presso la mostra allestita nella Sala Giordano Bruno in Via Vincenzo La Rocca – due set di bandiere.

Gli stendardi, che vedete allegati in foto, sono in libera distribuzione per tutti i cittadini nolani.

La prima delle due, con lo stemma comunale, è disponibile IN VIA PRIORITARIA per coloro che risiedono lungo il percorso della festa.

La seconda, sponsorizzata da EXPERT PARENTE, è invece disponibile per la consegna a chiunque ne facesse richiesta.

Si fa accorato APPELLO ALLA CITTADINANZA che verrà in visita alla mostra e farà richiesta delle bandiere, A RISPETTARE LE REGOLE SUL DISTANZIAMENTO, ALL’UTILIZZO DELLE MASCHERINE E AD EVITARE TASSATIVAMENTE ASSEMBRAMENTI, in modo da consentire ai volontari al lavoro alla mostra di SODDISFARE LE RICHIESTE.

Stiamo lavorando per voi!

GALLERY

Mostra del Giglio in Miniatura, III Edizione

Mostra del Giglio in Miniatura, Terza Edizione

Cari amici, anche quest’anno, nonostante l’emergenza sanitaria e il consequenziale annullamento della nostra amata Festa, il Movimento Piazza D’Armi, in collaborazione con i vari artigiani e sotto l’egida della Fondazione e dell’Amministrazione, ha promosso e organizzato la 3 edizione dei Giglio miniatura.
Con l’occasione, vogliamo evidenziare come il nostro costante impegno, sempre profuso a titolo GRATUITO, è esclusivamente nell’interesse della città e della collettività tutta , nel segno del santo Paolinoe in obbedienza ai suoi valori che ci ha tramandato con la sua vita
Venite numerosi e continuate a seguirci.

Rendering del Progetto Riqualificazione Piazza d’Armi

Rendering Riqualificazione Piazza d’Armi

Rendering del Progetto Riqualificazione Piazza d’Armi con immagine delle casermette

Lettera al C.P del Comune di Nola per presentare il Movimento Piazza d’Armi

Lettera al C.P del Comune di Nola per presentare il Movimento Piazza d’Armi

La lettera,  protocollata in data 12 settembre, per la presentazione del Movimento Piazza d’Armi al Commissario Prefettizio del Comune di Nola.

Richiesta URBACT al C.P. di Nola

Richiesta del 19 marzo 2019 al C.P. del Comune di Nola

Copia della richiesta inviata al Commissario Prefettizio del Comune di Nola per discutere di un bando europeo finalizzato alla organizzazione ideazione e progettazione di Piazza d’Armi.

Foto

BANDO DI CONCORSO CORTOMETRAGGIO LEGALITA’

BANDO DI CONCORSO PER L’ATTRIBUZIONE DI
UN PREMIO PER UN FILM IN CORTOMETRAGGIO

Il Concorso è regolato dal seguente

BANDO

I corti ammessi al concorso dovranno:
– Avere una durata massima di 15 minuti ;
– Trattare il tema della legalità; in particolare tematiche sociali, attuali e rappresentative dei
territori da cui provengono;
(Esempi di tematiche da trattare : Discriminazione , Criminalità Organizzata (camorra), Corruzione, Bullismo, Violenza di genere, Inquinamento e
disastro ambientale , ecc..)
– Essere privi di messaggi pubblicitari ;
– La partecipazione al concorso è gratuita ed è riservata ai giovani di età compresa tra i 14 e 19 anni ;
– Il materiale dovrà essere inviato sulla piattaforma digitale dell’associazione www.movimentopiazzadarmi.it
– L’interessato dovrà registrarsi al sito web del Movimento Piazza D’Armi, cliccando su REGISTRATI nel menù in alto su www.movimentopiazzadarmi.it . Qui si potrà scegliere un username e una password personale e quindi si dovranno fornire, nell’apposito spazio, i dati anagrafici, l’istituto scolastico di provenienza ed una breve biografia dell’autore/autori del corto. All’interno di questo stesso spazio sarà possibile effettuare l’upload del file;
– L’associazione “Movimento Piazza d’Armi” fornirà due recapiti telefonici per eventuali richieste di assistenza tecnica;
– Le opere dovranno essere inviate entro il 20 gennaio 2018;
– Ogni autore regista potrà inviare una sola opera;
– Non saranno prese in considerazione opere pervenute guaste o impossibilitate ad una chiara visione ;
– Gli organizzatori del concorso non sono responsabili per danni o perdita dei materiale;
– Gli autori delle opere sono responsabili dei contenuti delle rispettive opere inviate e della diffusione per mezzo di esse di musica non originale
protetta da diritti d’autore e di musica e/o immagini originali;
– Le opere inviate non verranno restituite e costituiranno parte del patrimonio dell’archivio dell’ Associazione “Movimento Piazza D’Armi”. Esse
potranno essere mostrate a scopi culturali ed educativi senza fini di lucro;
– L’Associazione si riserva il diritto di utilizzare il materiale pervenuto, per eventuali successive manifestazioni, con l’obbligo di citare la fonte ed
informarne preventivamente gli autori o i detentori dei diritti.
– I cortometraggi vincitori, (tranne quelli che faranno espressa richiesta di non pubblicazione per motivi di diritti), saranno pubblicati sul sito
www.movimentopiazzadarmi.it (e/o sulla pagina FB ) per un mese, al fine di ricevere commenti e recensioni da parte dei visitatori;
– L’associazione Movimento Piazza D’Armi procederà a nominare la commissione giudicatrice dei cortometraggi (professionisti nel campo dell’arte e
dello spettacolo, giornalisti , magistrati , e altre personalità ) ;
– Essa sarà composta da numero minimo di 4 a un numero massimo di 8 componenti/giurati;
– I componenti della giuria presenzieranno, in qualità di relatori, al prossimo evento/manifestazione sul tema legalità, collegato al presente
concorso ed organizzato dall’associazione “Movimento Piazza D’Armi” ;
– Il giudizio sarà reso pubblico il giorno della manifestazione sulla legalità;
– La Giuria del concorso assegnerà i seguenti premi: miglior cortometraggio, miglior attore, miglior attore non protagonista;
– I componenti della giuria, nel giudicare i cortometraggi terranno in considerazione i seguenti parametri di giudizio : capacità interpretativa, originalità
nella trattazione del tema prescelto, aderenza alla tematica;
– I vincitori saranno premiati dalla giuria nel corso della Manifestazione sulla legalità durante la cerimonia di premiazione;
– Durante la manifestazione saranno proiettati soltanto i cortometraggi vincitori del concorso, il premio sarà consegnato solo se il vincitore è presente
in sala.
– L’associazione “Movimento piazza d’armi” pubblicherà – sul sito www.movimentopiazzadarmi.it e pg FB) – entro il 31 dicembre 2017, la
data ,la sede e i relatori dell’evento/manifestazione sul tema legalità;
– La manifestazione si terrà in una sede prestigiosa del territorio del comune di Nola ;
– L’Associazione si riserva il diritto di differire la data della manifestazione nel caso lo ritenga necessario;
– La partecipazione al concorso implica l’accettazione da parte degli autori delle condizioni esposte nei punti del presente regolamento;
– L’Associazione regolerà con successive norme i casi non previsti nel seguente bando;
– Per quanto non espressamente previsto nel presente bando valgono le leggi e i regolamenti in vigore. — Per ogni eventuale controversia in materia è
competente il foro di Nola;
– Ai sensi dell’articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 i dati personali dei partecipanti saranno trattati ai soli fini del Concorso;
– L’associazione si riserva la possibilità che la partecipazione al concorso e/o all’evento collegato, costituirà elemento formativo e di credito per tutti
gli studenti che hanno realizzato il cortometraggio.

Nola, é ora di chiudere il centro storico alle auto?

La situazione delle polveri sottili a Nola e nei comuni limitrofi è ormai un caso ai limiti dell’emergenza.
Al comune di San Vitaliano spetta il primato per essere uno dei comuni più inquinati d’Italia, primato inquietante per la piccola città dell’agro Nolano, un record negativo e preoccupante.
I livelli di inquinanti nocivi in città erano infatti ben oltre il livello di guardia, sia per quantità che per frequenza.
San Vitaliano è il solo comune dell’agro a possedere la centralina di monitoraggio, e di conseguenza è anche il solo ad essere finito agli albori della cronaca per aver superato i livelli limite di emissione per 51 volte in soli 100 giorni.
Il Comune di San Vitaliano e il Forum Ambiente hanno puntato il dito contro Regione Campania ed Arpac, accusandoli soprattutto di non aver effettuato nessun monitoraggio del livello delle polveri sottili di tutti i comuni del nolano e di non aver attivato un piano regionale finalizzato ad interventi seri per ridurre le emissioni.
La situazione a Nola non è differente, infatti, i territori limitrofi a San Vitaliano, nonostante i confini immaginari, respirano la stessa aria inquinata.
Gli inquinanti in questione (benzene, monossido di carbonio, biossido di azoto, anidride solforosa, ozono, particolato PM1, PM2,) possono essere causa di patologie respiratorie acute e croniche anche gravi, come asma bronchiale, bronchioliti nel bambino, polmoniti, ma anche carcinomi polmonari.
Alcuni studi – fra cui un’indagine dell’Istituto Nazionale dei tumori di Milano – hanno associato il fatto di abitare vicino ad una strada di grande traffico alla leucemia infantile, indicando come possibile responsabile il benzene.
Ad essere più vulnerabili sono proprio i bambini perché hanno un apparato respiratorio non ancora completamente sviluppato ed inoltre, respirando a una frequenza maggiore, introducono nell’organismo anche una quantità più elevata di veleni.
Ma lo smog è responsabile non solo di malattie respiratorie ma anche di malattie dell’apparato cardiovascolare come infarto e ictus, con una relazione che solo negli ultimi tempi è stata accertata dai ricercatori a livello internazionale.
Tra gli inquinanti certamente responsabili ci sono le polveri ultrasottili generate dai tubi di scappamento delle auto.
Alcuni esperti, già alcuni anni fa, avevano chiesto, per il nostro territorio, l’intervento delle autorità Sanitarie per limitare le attività fisiche all’aperto, inclusi il correre ed andare in bicicletta.
Di fronte a queste problematiche che affliggono in misura sempre più grave l’ambiente e la salute dei cittadini, il Movimento Piazza d’Armi ha iniziato ad attivarsi, in uno con tutte le altre associazioni ambientaliste del territorio.
Uno dei punti programmatici è senza dubbio quello di convocare un tavolo tecnico con le istituzioni, auspicando che queste attivino un piano Regionale che tenga conto di soluzioni specifiche.
Un altro obiettivo in cui crede fortemente Il Movimento, è di puntare sulla realizzazione di un grande parco verde in Piazza d’Armi che funzioni come un polmone verde in grado di ridurre le polveri sottili e gli inquinanti ambientali.
Oltre le istituzioni, ogni comune dovrebbe fare un primo passo, spingendo sempre più sull’attivazione di manovre e norme al fine di ottenere la riduzione delle emissioni di inquinanti.
Anche noi cittadini dovremmo impegnarci con gesti piccoli ma efficaci nel nostro quotidiano.
Una tra le possibili soluzioni che il nostro comune dovrebbe adottare, potrebbe essere quella di limitare il traffico delle autovetture nell’intera città, ma anche di ridurre fortemente il traffico delle auto e moto nelle aree in cui pedoni transitano maggiormente e cioè di chiudere definitivamente il centro storico alle auto e moto.
Ci preme sottolineare che, proprio nel centro storico e, in particolare,
in alcune vie centrali della città bruniana, i cittadini sono eccessivamente esposti e quindi a rischio per la propria salute.
In Via San Felice e in Via Santa Chiara, del resto, due vie d’accesso a Piazza Duomo, cuore e “agorà” della nostra città, ove insiste il maggior transito di pedoni, il traffico di autovetture è divenuto insostenibile, una vera e propria piaga.
I lavori fatti dal Comune per migliorare la viabilità pedonale, hanno migliorato le condizioni di deambulazione dei pedoni, ma questo ha anche determinato l’insorgere di problematiche legate al traffico che si imbottiglia, soprattutto all’incrocio con il Corso Tommaso Vitale, area di massima concentrazione di pedoni.
Noi riteniamo che la riduzione delle polveri sottili, in una città che non ha spazi verdi pubblici, non può essere una questione secondaria .
Il Movimento intende quindi proporre, a chi di dovere, la chiusura del centro storico, trasformando l’area intera del cuore cittadino in una zona pedonale.
E voi, cosa ne pensate?
Fateci sapere le vostre opinioni!

Nuovo sito istituzionale

Cari Amici,

Copyright Enrico Napolitano

è attualmente in corso la rielaborazione del sito ufficiale della nostra associazione. Abbiamo scelto di trasferirci su una piattaforma più moderna e versatile, quella di WordPress.

Il sito è navigabile ma potreste riscontrare ancora qualche problema di formattazione che vi preghiamo di segnalarci, magari con un commento.

Con l’occasione, vi comunichiamo che l’associazione si avvarrà della collaborazione di Francesco Napolitano per la parte tecnica, il quale affiancherà Dino e Paola per i prossimi miglioramenti ed aggiornamenti.

Stay tuned!

 

L’Associazione

Chiude la consultazione pubblica per la Caserma Principe Amedeo!

I cittadini e le associazioni del territorio, hanno inviato varie proposte per riqualificare l’ex struttura militare e l’area circostante di Piazza d’Armi.

Di seguito la proposta di rigenerazione urbana del Movimento Piazza d’Armi.

L’obiettivo è creare un ampio polmone verde dotato di parcheggi, auditorium, area giochi, attività commerciali, mercatini artigianali, e spazi per fiere campionarie per promuovere la conoscenza delle eccellenze del territorio.

Questa nuova realtà garantirebbe un effetto “città”, un corpo autosufficiente capace di soddisfare i diversi bisogni degli abitanti del quartiere, inserendo all’interno della Caserma un museo dedicato alla cartapesta una delle eccellenze della tradizione cittadina con le relative botteghe e laboratori per formare nuovi artigiani. Il progetto comprende anche l’insediamento di uffici pubblici e poli didattici universitari oltre a punti per le esposizioni temporanee.

Chiusa la consultazione pubblica…e ora?

I prossimi passi.

Il percorso di riuso e riqualificazione di questo vuoto urbano entra nel vivo: ora il Comune di Nola sta definendo, anche sulla base degli input ricevuti dalla consultazione pubblica, il programma di valorizzazione necessario per richiedere la proprietà di Piazza d’Armi con lo strumento del federalismo demaniale culturale, un passo importante per avviare un percorso di rigenerazione urbana.
Le indicazioni ricevute per l’ex Caserma saranno invece preziose per delineare le modalità di immissione sul mercato dell’immobile.

Un bene pubblico da far rinascere!

Qui la news: http://www.agenziademanio.it/opencms/it/notizia/Chiusa-la-consultazione-pubblica-per-il-riuso-dellex-Caserma-Battisti-di-Nola/